Di

Brillante risultato del cremisino d’adozione Simone Ius alla tersa edizione dell’Aquatic Runner con partenza da Grado e arrivo a Lignano Sabbiadoro. Impegnativa gara di nuoto e corsa svoltasi nella laguna di Marano.

Gli ha fatto da degno scudiero Raimondo Ordano, altro triatleta che forte dell’ aquila che ostenta sul petto ha volato alto migliorandosi nella prestazione nuotando per 4 ore. Gara durissima per gente temprata al sacrifico e ad affrontare l’asprezza degli elementi e a misurarsi con i loro limiti.

Una lezione di vita oltre che di sport ad alto livello adrenalinico. Nell’accezione comune vengono definiti ironman. Prima di essere accettati alla partenza devono esser vagliati per i precedenti risultati ottenuti. Percorsi 30 Km complessivi di cui 5 di nuoto, 23 di corsa e due di tratto misto. Simone, con il suo 3 ore 30’ 37” ha conseguito il titolo italiano di swim run categoria 20M del circuito Csen (Centro Sportivo Educativo Nazionale).

La premiazione è stata anche l’occasione per sancire la collaborazione con il sodalizio ungherese Aquatic runner ed estreme-Man di Nagyatad con cui è in atto da anni un gemellaggio, artefice il coordinatore cremisino Fulvio Cantarutti . Infatti alla gara hanno partecipato, come prima esperienza, alcuni atleti ungheresi.

Un viatico per le Fiamme Cremisi che sono pronte al balzo di inserire tale specialità tra quelle gestite dai cremisini che in Claudio Sterpin (recordman storico dei 200Km di corsa ) nella disciplina nella federazione IUTA, e Tommaso Menduni e Frittoli con titoli italiani triathlon militare vantano una ragguardevole tradizione.

Redazione
A proposito dell'Autore

 

Lascia un Commento